Dipendenza affettiva

Che cos'è la dipendenza affettiva?

dipendenza affettivaTra tutte le forme di dipendenza, quella meno tangibile è certamente la dipendenza affettiva.

In caso di dipendenza affettiva la persona non è dipendente da una sostanza o da un vizio, ma da una relazione.

Il dipendente affettivo ha un bisogno smodato dell’altro e della sua presenza.

Quali sono le caratteristiche di chi soffre di dipendenza affettiva?

Una costante di chi è colpito da dipendenza affettiva è cercare al di fuori di sé quell’amore verso se stesso che non ha mai sviluppato.
  •  Chi soffre di dipendenza affettiva ha sete d’amore, e lascia nelle mani dell’ altro la responsabilità della propria vita e della propria felicità. Il dipendente affettivo è la persona che mesi dopo una rottura continua ad aspettare, a richiamare l’ex e a sperare che torni, oppure soffre moltissimo, percepisce una grande sensazione di solitudine e di vuoto. Pensa di non farcela, a stare da sola.
Per questa ragione gli interessi di chi soffre di dipendenza affettiva, in genere, ricalcano quelli di chi gli sta vicino e tende a sottomettersi, la sua tolleranza è molto elevata.
  •  Chi soffre di dipendenza affettiva è incapace di porre dei limiti per paura di essere abbandonato. Anche se all’inizio può apparire molto indipendente, ben presto lascia trapelare la sua vera natura. E quando stabilisce una relazione con l’altro, tende in poco tempo ad annullarsi.
Il dipendente affettivo è un individuo che non ama se stesso, pensa di valere poco, ha una bassa stima di sé, e per queste ragioni pensa di non poter piacere neanche agli altri. Per compensare tali carenze, mette da parte se stesso e i propri bisogni, e cerca di accontentare l’altro, finendo talvolta per trasformarsi nella sua ombra, e perdere la propria identità come persona.
  •  Chi soffre di dipendenza affettiva utilizza in genere la dolcezza e la sottomissione per gestire e tenere a bada le situazioni, ma quando si rende conto che questi comportamenti non gli sono utili può arrivare anche a mettere in atto un atteggiamento manipolatorio.

Dipendenza affettiva e gelosia

A volte, dipendenza affettiva e gelosia sono due variabili inseparabili. Tuttavia ci sono dipendenti affettivi che non provano gelosia, oppure può capitare che non sia presente in tutti i rapporti. Ma quando dipendenza affettiva e gelosia “vanno a braccetto”, possono creare una vera e propria miscela esplosiva e avvelenare ogni potenziale rapporto.

La dipendenza affettiva, unita alla gelosia, crea una condizione che provoca grande sofferenza, e spesso porta a vivere rapporti deludenti, svilenti, a volte anche di violenza. Come una sorta di copione che continua a reiterarsi senza sosta.

Quali sono le cause della dipendenza affettiva?

Le cause della dipendenza affettiva possono essere molteplici, andranno rintracciate in modo specifico nella storia dell’individuo.

Dunque, alla base della dipendenza affettiva, c’è la difficoltà a credere in se stessi, a stabilire il giusto confine tra sé e l’altro, a riconoscere la propria identità, a soddisfare i propri bisogni.

Questi sono gli aspetti su cui si dovrà lavorare con un serio percorso terapeutico volto a curare la dipendenza affettiva.

Con la giusta terapia è possibile uscire dalla dipendenza affettiva, e per farlo è importante affidarsi ad un professionista che possa guidare la persona alla scoperta di se stessa, della propria identità, a sentirsi bene e forte anche da sola.

La dottoressa Giovanna Maria Nastasi, psicologa a Padova, si occupa da anni di casi di dipendenza affettiva, affrontando il problema non con una terapia standard, ma scegliendo, tra i diversi approcci terapeutici, quello più adatto alla persona.

Se hai già provato senza successo la psicoterapia per risolvere i tuoi problemi di dipendenza affettiva, rivolgiti fiducioso alla dottoressa Giovanna Maria Nastasi e al suo centro di psicologia e psicoterapia a Padova.

Recensione degli utentiLascia il tuo commento
There are currently no reviews.
Lascia il tuo commento
Molti pensano che chi si rivolge ad uno psicologo sia una persona debole, incapace di affrontare da sola le proprie difficoltà.
In realtà, accettare i propri limiti, decidere di affrontarli, richiedere un aiuto professionale, non è un atto di debolezza bensì di coraggio.

La persona veramente forte è colei che non nasconde le proprie debolezze, ma si impegna per affrontarle e risolverle.

LA SEDE

Via San Fermo, 17 – 35137 Padova

Telefono (+39) 049.8713232
Cellulare (+39) 349.6490586

Mail: centronastasi@gmail.com - Skype: am.nastasi

Seguici su Facebook

psicologo padova centro nastasi